Archivi categoria: Guide/segnalazioni su WEB

Raspelli: che rimane della vera critica gastronomica? Non esiste quasi più… !

 

vie del sale raspelli (20) - Copiaricevo e “giro”: EDOARDO RASPELLI: racconti di ricordi emozioni gola – Per Ugo Cennamo QN Quotidiano Nazionale: “STORIA DI UN SECOLO DI CRITICA (?!?) GASTRONOMICA

“Decenni di buonismo; milioni di pagine di complimenti; milioni di viaggiatori, di consumatori lasciati allo sbaraglio, alla mercé di cattive o pessime esperienze a tavola od in camera. Poi, una ventata di anni “gastro rivoluzionari”, l’apparizione della critica VERA, il timido affacciarsi delle parole “Difesa del consumatore” poi tutto è rientrato nel calderone dei lecca lecca, nella scrittura accondiscendente, la morte della parola CRITICA. Amen…

Hans Barth, nel 1922, pubblicava “Osteria, Guida Spirituale alle osterie d’Italia”: il giornalista e turista tedesco, con la prefazione di Gabriele D’Annunzio (!!!), recensiva, una per una, qua e là, i locali ma la critica più feroce era solo la frase che Luigi Veronelli avrebbe rubato e fatta sua più tardi, nelle sue” Guide all’Italia piacevole “ (appunto, anche il critico bergamasco :solo quella piacevole).Scriveva il tedesco :In Italia non c’è nulla di più costante dell’incostanza delle osterie.

Paolo Monelli (nato a Fiorano Modenese nel 1891) raccontava soprattutto sensazioni e panorami nel suo bello ma solo positivo “Ghiottone Errante” ( nel 1935). Negli Anni ’50 la Guida Michelin usciva anche in Italia  ma il Paese era solo recensito al Nord, con l’eccezione di Roma e Napoli…e ci si guardava bene di elencare i ristoranti ”bocciati”, quelli che perdevano la Stelletta di Buona Cucina.

La rivoluzione, la nascita della vera CRITICA gastronomica nel mondo, si deve al duo francese Henry Gault e Christian Millau che andavano in coppia, inattesi clienti paganti qualunque, e davano il voto, ognuno da 0 a 10; poi facevano la somma ed ecco i voti in ventesimi che, nel 1978, per la prima edizione, datata 1979, arrivarono anche sulla ”mia” Guida dell’Espresso.

Fu la rivoluzione: anche in Italia arrivavano le insufficienze e le stroncature, fino ad allora presenti solo per i calciatori, i cantanti, gli attori …ma MAI per cuochi e ristoratori.

Il duo francese ( e, più moderati, il capo dell’Ufficio Affari Riservati del Ministero dell’Interno, Federico Umberto D’Amato, ed io)scrivevano cose del tipo :”Questo ristorante è così…pessimo…che nemmeno il nostro cane vuole entrare”…

Nasce il Gambero Rosso , supplemento del” Quotidiano Comunista Il Manifesto” e Stefano Bonilli mi affida le pagine dei ristoranti. Tengo a battesimo, sotto l’egida di Carlin Petrini e Folco Portinari, a Parigi, alla Comedie Française, Sloow Food (ma allora si chiamava ancora Arci Gola): tra lo stupore e lo scandalo degli Italiani,” i rossi”, la Sinistra, sono i primi a scoprire ed a far conoscere i piaceri (anche costosi) della carne, meglio: delle carni…

Che cosa rimane di tutto quello ?! Ben poco.

I voti negativi sono stati tutti aboliti; sulle Guide ai Ristoranti è apparsa la pubblicità dei vini e sulle Guide ai Vini dello stesso editore è apparsa quella dei ristoranti.

E’ ottima la carne delle Road House ma forse è troppo pubblicare tra le pagine delle guide, una uguale all’altra, con tanto di voto, le venti schedine equiparandole  ai ristoranti testati.

Chi scrive di gastronomia ormai si è tramutato in organizzatore di eventi: gli oggetti della critica (bottiglie, piatti, locali) sono diventati collaboratori di chi li deve giudicare.

E’ durato meno di un anno per fortuna l’esperienza di Michelin Days, promossa dalla Guida delle Gomme: tu ti collegavi al loro sito, prenotavi una cena super a prezzo scontato che pagavi alla Guida stessa che faceva da tramite!!!

Nessuno scrive che olio di palma (africano, ovviamente) e nocciole turche( la Turchia è il primo produttore al mondo di nocciole , poco costose) almeno fino ad oggi, sono gli ingredienti principali della più celebre crema (pur ottima).

Quasi nessuno ricorda che la legge consente che la pur ottima e leggera Bresaola della Valtellina (che è una Indicazione Geografica Protetta) viene fatta con carne congelata di zebù che arriva dal Brasile.

Si dà tanto spazio al Bocuse d’Or, gara tra grandi cuochi approdata a Torino, ma sono soltanto Valerio Massimo Visintin e l’ex vincitore di Master Chef, il dottor Federico Francesco Ferrero, a stigmatizzare che il secondo più famoso cuoco d’Italia, Enrico Crippa del Duomo di Alba( e con lui tutte le Berrette Bianche in gara) abbia sul cappello da cuoco il marchio della più a popolare (e di media qualità) catena di supermercati del mondo e tra le mani il pacco di spaghetti della più grande industria alimentare italiana che ha il grande merito di sfamare la Terra a basso prezzo ma, oltre tutto con il 40 per cento almeno di grano straniero, come vero autentico verace simbolo del Made in Italy crea qualche dubbio, almeno lessicale.  Edoardo Raspelli”

Claudio a Bergeggi: la severità di Raspelli… e le lodi di un altro sito.

14 06 1016 (15) - CopiaNel mondo della cronaca/critica enogastronomica succede che, di Claudio di Bergeggi  possano essere pubblicati due pareri opposti in due giorni.

Edoardo Raspelli (La Stampa 2 agosto) scrive: “I piatti che arriveranno in tavola hanno una caratteristica che vi sorprenderà  ma non in chiave molto positiva: pesci molluschi crostacei sono bellissimi, fanno un bel figurone, sono cucinati e presentati con perizia ma il loro sapore è spesso esangue, marchio di fabbrica soprattutto di materia prima di origine atlantica”

Fine Dining Lovers, in un blog del 1° agosto scrive invece: “la cucina serve il meglio della cucina ligure di pesce, tra cui i pregiatissimi gamberoni di Oneglia. È disponibile un menu degustazione che varia in base alla disponibilità del miglior pescato recuperato quotidianamente tra il mercato di Savona e quello di Oneglia.”

 

Torna di moda prenotare in Agenzia Viaggi

agL’online non basta. I player del turismo parlano di una ritrovata centralità per gli attori della distribuzione organizzata e delle agenzie di viaggi fisiche. Oltre alla personalizzazione dei servizi, vince chi sa sfruttare a proprio favore le sfide imposte dalle nuove tecnologie. C’è un interessantissimo studio in materia sul seguente link: https://www.ttgitalia.com/digitalpaper/?is=7&ed=2018-06-25&pa=6&st=83127

Ecco i 50 migliori ristoranti del mondo 2018

World's 50 Best Restaurants 2016: il n°1 è Massimo BotturaWORLD’S 50 BEST RESTAURANTS 2018 – Ecco l’elenco completo dei ristoranti vincitori:

1. Osteria Francescana, Modena (Italia)

2. El Celler de Can Roca, Girona (Spagna)

3. Mirazur, Mentone (Francia)

4. Eleven Madison Park, New York (USA)

5. Gaggan, Bangkok (Thailandia)

6. Central, Lima (Peru)

7. Maido, Lima (Peru)

8. Arpège, Paris (Francia)

9. Mugaritz, San Sebastian (Spagna)

10. Asador Etxebarri, Atxondo (Spagna)

11. Quintonil, Mexico City (Messico)

12. Blue Hill at Stone Barns, Tarrytown (USA)

13. Pujol, Mexico City (Messico)

14. Steirereck, Vienna (Austria)

15. White Rabbit, Moscow (Russia)

16. Piazza Duomo, Alba (Italia)

17. Den, Tokyo (Giappone)

18. Disfrutar, Barcellona (Spagna)

19. Geranium, Copenhagen (Danimarca)

20. Attica, Melbourne (Australia)

21. Alain Ducasse au Plaza Athénée, Parigi (Francia)

22. Narisawa, Tokyo (Giappone)

23. Le Calandre, Rubano (Italia)

24. Ultraviolet, Shanghai (Cina)

25. Cosme, New York (USA)

26. Le Bernardin, New York (USA)

27. Boragò, Santiago (Cile)

28. Odette, Singapore

29. Alléno Paris at Pavillon Ledoyen, Parigi (Francia)

30. D.O.M., San Paolo (Brasile)

31Arzak, San Sebastian (Spagna)

32. Tickets, Barcellona (Spagna)

33. The Clove Club, Londra (UK)

34. Alinea, Chicago (USA)

35. Maaemo, Oslo (Norvegia)

36. Reale, Castel di Sangro (Italia)

37. Restaurant Tim Raue, Berlino (Germania)

38. Lyle’s, Londra (UK)

39. Astrid Y Gastón, Lima (Peru)

40. Septime, Parigi (Francia)

41. Nihonryori Ryugin, Tokyo (Giappone)

42. The Ledbury, Londra (UK)

43. Azurmendi, Larrabetzu (Spagna)

44. Mikla, Instanbul (Turchia)

45. Dinner by Heston Blumenthal, Londra (UK)

46. Saison, San Francisco (USA)

47. Schloss Schauenstein, Fürstenau (Svizzera)

48. Hiša Franko, Kobarid (Slovenia)

49. Nahm, Bangkok (Thailandia)

50. The Test Kitchen, Cape Town (Sud Africa)

 

Con EVA producete in casa l’olio preferito! Ogni giorno.

Olio fatto in casa grazie ad Eva, il frantoio domesticoRicevo e “giro”: Fresco by Revoilution è la società che ha ideato e brevettato la prima macchina per ottenere il proprio olio d’oliva direttamente nelle proprie cucine e rendere ogni piatto più gustoso e salutare. Che tu sia uno chef o un semplice Food Lover, ovunque e in qualsiasi momento, da oggi avrai il tuo olio d’oliva grazie all’innovativo elettrodomestico EVA e Le Polpe: pura oliva raccolta, denocciolata e abbattuta.

RevOILution, conosciuta come la nespresso dell’olio d’oliva, sta rivoluzionando il mercato dei cooking oils con la stessa filosofia già adottata nel mondo del caffè.

Al fine di entrare sul mercato in modo agile e scalabile, abbiamo adottato un modello di abbonamento sia per il settore Horeca che Family. Gli abbonamenti sono differenziati per tener conto dei consumi, in base alle tipologie di clienti. I clienti possono ricevere presso il proprio domicilio le Polpe con frequenza stabilita e possono scegliere tra le varietà disponibili. I margini pertanto derivano esclusivamente dalla vendita delle Polpe.

Tale offerta sarà affiancata dalla vendita della macchina senza abbonamento pensata per i clienti Family e veicolata tramite GDO specializzata e orizzontale. Anche in questo caso i margini derivano principalmente dalla vendita delle Polpe.

La Società cerca collaboratori per la vendita.

Francesca Franzese – Marketing Manager- phone 3473405055

mail : francesca.revoilution@gmail.com  -  www.oliofresco.it

I primi Top Train di lusso del mondo

orient expressIl turismo lento trova il suo alleato sui treni di lusso. Forbes ha indicato i 10 treni da vivere. Oltre all’ORIENT EXPRESS,  il Belmond Andean Explorer in Perù;  il lussuoso Train Suite Shiki Shima in Giappone;  Il Presidential Train, datato 1890 che per la famiglia reale portoghese; in India il The Marajas’Express; il Blue Train in Sudafrica; The Gan in Australia e il Canadian in Canada; il Transcantabrico Gran Lujo in Spagna;  The Golden Eagle in Russia. E’ una notizia che ho tratto dal TTG che vi raccomando.