Archivi categoria: Guide/segnalazioni su WEB

L’elenco delle “TAVOLE DOC LIGURIA” con menu a prezzi speciali, vini compresi, solo in ottobre…

Tavole DOCTAVOLE DOC LIGURIA”: l’annuario gratuito che segnala e promuove la migliore cucina ligure con menu sostenibili.

Questa settimana la segnalazione è insolita, perché consente di metter piede in alcuni ristoranti a prezzi di norma assolutamente irripetibili. Ciò  grazie ai patti intervenuti tra i ristoranti e l’Editore di “Tavole Doc”, un volumetto uscito in Liguria per la prima volta nel 2019 che, come sta scritto, viene regalato presso i 32 ristoranti che hanno aderito all’iniziativa, sopportandone i costi per esservi iscritti. Nero su bianco è anche specificato, questo è il punto, che “In alcuni periodi dell’anno, ad esempio dal 1° al 31 ottobre 2019, “sono fruibili dei MENU COMPLETI, tutto compreso (compresi anche dei vini con abbinamento adatto).

I ristoranti liguri elencati nel volumetto, hanno scelto a quali delle tre 3 fasce di prezzo aderire: 35 euro, oppure 50 euro, oppure 70 euro.

La pubblicazione indica che detti menu vengono aggiornati costantemente e, ho verificato, sono ora consultabili sul sito “tavoledoc.it” . Essi sono disponibili tutti i giorni di apertura, COMPRESI SABATO E FESTIVI, ANCHE A CENA. Unica attenzione indispensabile, raccomandata dalla pubblicazione, quella di prenotarespecificando di voler aderire all’iniziativa  tavoledoc”.

I 18 ristoranti del Ponente Ligure, che qui elenco da da Ponente a Levante, sono i seguenti:

Ventimiglia: Il Giardino del Gusto: menu a 70 euro. Specialità: Triglia, foie gras e cavolo riccio.

Ospedaletti: Come a Casa: menu a 50 euro. Specialità: Paris-Brest con Gamberi Rossi

Sanremo: Paolo e Barbara: menu a 50 euro. Specialità: Scabeccio di pesce azzurro

Arma di Taggia: La Conchiglia : menu a 70 euro. Specialità: Mantecato di patate e baccalà a Brandacujun.

Cervo: San Giorgio: menu a 50 euro. Specialità: Risotto con zucca, carpaccio di gamberi Rossi, zenzero ed emulsione di balsamico.

Ranzo: Gallo della Checca : menu a 35 euro. Specialità: Cappelletti di patate al tartufo con caprino di grotta e Tuber Magnatum Pico.

Alassio: Nove: menu a 70 euro. Specialità: Carciofi e nocciole.

Alassio: Viola : menu a 50 euro. Specialità: Ravioli di baccalà, pomodoro fresco, basilico e olive Taggiasche.

Garlenda: Il Rosmarino: menu a 70 euro. Specialità: Zucca di Rocchetta brulé, gelato al Gorgonzola di Cameri e wafer al Chinotto di Savona.

Castelbianco: Da Gin : menu a 35 euro. Tonno di coniglio con verdure marinate e maionesi vegetali.

Castelbianco: Scola: menu a 50 euro. Specialità: Risotto, spuma di zucca rossa, capperi, carciofi e polvere di caffè.

Borgio Verezzi: DOC: menu a 50 euro.Specialità: Calamari padellati al fermentino su vellutata di verdure e zeste di agrumi.

Finale Ligure: Ai Torchi: menu a 50 euro. Specialità: Cozze ripiene alla Finalina.

Noli: Controcorrente: menu a 50 euro. Specialità: Polpo di scoglio arrostito, fondente di patate, polvere di olive Taggiasche.

Bergeggi: Claudio: menu 70 euro. Specialità: Zuppa di pesce del Mar Ligure nella pietra ollare.

Savona: A Spurcacciun-a: menu a 70 euro. Specialità: risotto con lumache, erbe di campo, aglio nero e burrata.

Altare: Quintilio: menu a 50 euro. Specialità: Filetto di Fassona ai porcini nostrani.

Varazze: Boma Ristorante Caffè: menu a 50 euro. Specialità: Ravioli di pescato di scoglio con targliata di pesce spada e melanzane fritte.

Per le Provincie di Genova e di La Spezia i 14 ristoranti aderenti, sono consultabili sul sito www.tavoledoc.it.

Non  è  detto che nei menu disponibili siano compresi i piatti delle specialità di cui sopra. Ad esempio, un ristorante propone il seguente menu a 35 euro a persona: 1) Amuse bouche 2) Anatra fumo, ricotta vaccina, tartufo – 3) Cappelletti di patate con caprino di grotta e tartufo della nostra tartufaia – 4)  Semisfera di cioccolato con crema alla fava tonka. Non è specificato il vino abbinato, ma rientrerà nella professionalità di ogni titolare predisporre una accoglienza adeguata per ben figurare. Buon divertimento!

Luigino.filippi@alice.it

 

“FoodForChange”: Relais & Chateaux + Slow Food dal 4 al 7 ottobre

a (1)Dal 4 al 7 ottobre, centinaia di chef di Relais & Châteaux prenderanno parte ”Menu for Change” per diffondere l’idea che il miglioramento climatico può iniziare dal piatto!  Essi offriranno menu con ingredienti sostenibili (locali, stagionali e sempre più focalizzati sulle verdure).  A luglio, su MilanosdaBere era scritto che “E’ attualmente in fase di realizzazione un calendario dettagliato che si potrà consultare presto all’indirizzo: events/relaischateaux.com“.  Ma a tutt’oggi la pagina non risulta compilata. Appena conoscerò il nome dei ristoranti aderenti lo comunicherò qui. Altri dettagli e informazioni sono sul seguente link:  https://www.relaischateaux.com/us/magazine/our-commitments/food-for-change/food-for-change-climate-plates?_locale=it 

Non esisterebbero influencer senza deficienter !

influencer1)“Negli ultimi anni i consigli per gli acquisti sono progressivamente passati sul web con blogger o gli influencer.  Questa nuova frontiera della pubblicità presenta però molti rischi, perché per sua natura è spesso subdola o celata. La pasta o l’olio che vengono proposti dal piccolo guru della cucina di turno non sono accompagnati da spiegazioni tecniche, né tanto meno sono chiariti i valori (o i limiti) a livello di salute. Pensiamo solo all’incontrollato proliferare di siti che propongono diete miracolose e senza alcun supporto scientifico. E’ una interessante analisi di Italia a Tavola. Per l’articolo completo il link è il seguente:

https://www.italiaatavola.net/editoriali/editoriali/2019/6/10/cibo-da-carosello-agli-influencer-servono-garanzie-per-consigli/61347

Il nuovo “RASPELLI MAGAZINE” on line ci prende per la gola, senza … stringere: è gratuito.

vie del sale raspelli (20) - CopiaCome sarà il nuovissimo RASPELLI MAGAZINE ? Ristoranti ed alberghi illustrati con grandi foto,storie di cuochi ,gli eventi cui partecipa o che conduce  Edoardo Raspelli. Nascerà il 1° luglio la nuova pubblicazione online gratuita che presenterà notizie, curiosità ed eccellenze riguardanti ristoranti, attività ricettive,  storie di cuochi, eventi enogastronomici, i mondi del wine & food italiani, i prodotti del made in Italy  in Italia e all’estero.

In questo primo numero, on line dal 1°luglio, il racconto illustrato fatto da Edoardo Raspelli, dopo la prova diretta di tre ristoranti:       1) a Monza il Derby Grill dell’Hôtel de la Ville. 2) a Romano di Lombardia, BG, il Caffè Rubini; 3) a Forlì la Casa del Mare San Domenico), con i piatti assaggiati e fotografati da Edoardo Raspelli nei suoi test da “inatteso cliente qualunque pagante”. 

Grandi foto anche per gli alberghi testati e raccontati. In questo numero: l’Agriturismo Castellini a Garbagna(Alessandria), il Palazzo dei Capitani a Peschiera del Garda(Verona), il Brunet Family Resort di Primiero San Martino di Castrozza (Trento).

Per quanto riguarda la LIGURIA Raspelli racconta di Timi, giovane profugo albanese che, arrivato in Italia, anno dopo anno , nel suo locale, il Sogno, a Finale Ligure(SV) è diventato uno dei migliori cuochi di cucina ligure.

Poi si annunciano o si raccontano gli eventi cui Edoardo Raspelli ha partecipato in queste ultime settimane o che condurrà nelle prossime: le Denominazioni Comunali di Bobbio(Piacenza), la rinascita della cantina La Versa con il mitico spumante Testarossa, l’evento benefico ad Antrona(Verbania)per l’ospedale di Domodossola, il successo dei Formaggi&Sorrisi a Cremona,il premio dell’Academie Internationale de la Gastronomie, il Vip Master di Tennis a Milano Marittima, la Festa della Patata a Montecrestese(Verbania), il menu dei 70 anni, il successo dell’idea di Edoardo Raspelli di premiare la Miss Senza Trucco.

RASPELLI MAGAZINE avrà anche un occhio particolare alla leggerezza con le ricette vegetariane e vegane di Maura Anastasia.