Archivi categoria: zibaldone in libertà

La musica “a stecca” favorirebbe una più rapida turnazione dei tavoli?

rnrvllagSu Madame Figaro, Jean-Sébastien Stehli,  spiega che a Parigi «Se volete avere una conversazione decente col vostro commensale, se tutto ciò che volete sentire è il suono dei piatti che si posano sul vostro tavolo e quello dei bicchieri che fanno cincin, allora la “vostra rive” è la sinistra» (della Senna).. «Al contrario, la rive droite è quella capace di far schizzare l’asticella di un audiometro».

Poiché «troppo rumore affatica l’organismo, la tendenza per i clienti è inconsciamente di consumare al più presto e andarsene. Ciò favorirebbe una maggior disponibilità per la turnazione dei tavoli e i doppi o tripli turni di clienti. Inoltre la musica assordante stimola la gente a consumare più alcoolici.

Vabbè, ma che fare se, visto l’ambiente, un cliente ignaro delle usanze, si alzasse dal tavolo e uscisse rinunciando a consumare?

La Cassazione sentenzia riguardo gli odori molesti di un ristorante.

freeskipper.it                                                       (credito foto: freeskipper.it)

Se viene puzza dal ristorante sotto casa vostra, che fare? C’è una recente sentenza di Cassazione che può essere interessante  sia per i ristoratori che per i loro vicini. Il link è il seguente:  https://www.laleggepertutti.it/177548_puzza-del-ristorante-che-fare

Cucine da incubo: che succede quando i riflettori delle TV si spengono?

maridacatering                                              (credito foto: maridacaterini).

“Agli appassionati di reality e di cucina sarà capitato sicuramente di intrattenersi di fronte alla TV con il programma Cucine da Incubo ma cosa succede quando i riflettori del reality si spengono?” Così scrive www.cucinainmente.com

Post “cura” nella gestione del ristorante, i locali sono gremiti, ma per quanto tempo?  Il sito scrive: “Molti dei partecipanti al reality hanno potuto davvero svoltare pagina altri, al contrario, hanno chiuso i battenti definitivamente addirittura nello stesso anno in cui è andato in onda il programma con la loro partecipazione.  Anche con il reality condotto da Gordon Ramsey i risultati sono stati diversi tra i vari locali.

Che fine hanno fatto le 4 Cucine da Incubo più famose. La risposta è sul sito seguente:  http://www.cucinainmente.com/idee-in-cucina/cucine-incubo-fine-quelle-piu-famose/

La graduatoria delle Compagnie con il maggior numero di disservizi.

funny-blog                                                (credito foto: funny-blog)

Ecco la graduatoria, secondo TTGItalia, delle compagnie che hanno causato il maggior numero di disservizi.  La prima è Ryanair, seguita nell’ordine da  Airberlin, Lufthansa, EasyJet, Wizz Air, Air France, Vueling, Austrian, Klm, Air Lingus.

Non c’è, fortunatamente, Alitalia. Notizia completa sul seguente sito:  https://www.ttgitalia.com/stories/trasporti/134285_la_classifica_dei_reclami_da_ryanair_a_airberlin/

Le controversie giudiziarie più assurde riguardanti il cibo.

gstzcbStella Liebeck nel 1993 fece causa a McDonald’s, vincendo 2,86 milioni di dollari solo perché le cadde addosso del caffe bollenteEcco quali sono le cause più inutili in campo alimentare secondo il sito Eater (più una made in Italy). Ma anche a Starbucks fu fatta causa per la quantità di ghiaccio nel bicchiere. Alla catena di pizzerie Papa John a causa dell’insostenibile numero di sms che il marketing gli inviava con le offerte dell’azienda. A Burger King per asvar fatto pagare due volte un conto. C’è anche il caso di un cliente che con la spork (forchetta-cucchiaio) non riuscito a tagliare il pollo in piccoli pezzi. Per i panini troppo corti di Subway:27,94 centimetri. Infine la campagna contro Nutella. sulla questione dell’olio di palma.

Ogni altro dettaglio sul seguente link:

http://www.agrodolce.it/2017/09/08/le-6-cause-giudiziarie-piu-assurde-nel-mondo-del-cibo/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+Agrodolce&utm_content=magazine-e-attualita-5-11-09-2017

Le ville sull’acqua compiono 50 anni.

vllplnsacq%0 anni orsono i Bali Hai Boys aprirono hotel a Moorea e Raiatea. Ma su quest’ultima mancavano le spiagge di sabbia, e il successo sembra allontanarsi dal loro albergo.

Kelley cercò quindi una soluzione ed ebbe un’idea che avrebbe rivoluzionato il turismo di Tahiti e non solo per i decenni a venire: suggerì di costruire dei bungalow sull’acqua per dare agli ospiti l’accesso diretto alla laguna. Non solo: in questi bungalow, costruiti come le case tradizionali, con tanto di tetto ricoperto di foglie di pandanus, Kelley ebbe l’intuizione di inserire quel famoso ‘tocco in più’ che farà la differenza, il pavimento di vetro.. IL LINK PER L’ARTICOLO COMPLETO è IL SEGUENTE:

https://www.ttgitalia.com/stories/hotel/135608_la_villa_overwater_compie_50_anni_la_storia_di_unidea_che_ha_fatto_il_turismo/