Archivi categoria: Il lavoro nella ristorazione

Bora, show cooking a 30 metri di altezza nei cieli di Torino…

Lo spettacolare show del Bora Truck è in scena a Torino nei giorni dal 15 al 17 marzo. Una occasione per vivere in diretta le prestazioni della cappa integrata nel piano di cottura, inventata da Bora, e distribuita in Italia da Frigo2000

 

Gustare piatti prelibati cucinati in una “scatola di vetro” a 30 metri di altitudine.  A Torino una 3 giorni di show-cooking di grandi chef condotta da Paolo Massobrio. La novità sta nel sistema di aspirazione, come da foto in basso. Per altri particolari il link dal quale ho tratto la notizia è il seguente:  https://www.ambientecucinaweb.it/bora-uno-show-nei-cieli-di-torino/

Cuochi e camerieri: più che una buona paga chiedono tempo libero.

camerieri«Apriremo un ristorante di cucina italiana di alta qualità ed elevato standard entro i primi di aprile e, al momento, non siamo ancora riusciti a completare la creazione del nostro staff. Delle 40 persone previste per i 150 coperti del nuovo locale, ne mancano una quindicina tra personale di sala e di cucina. Fortunatamente comunque l’executive chef c’è» racconta a IL GIORNALE il titolare del prossimo Paper Moon Giardino, in Via Bagutta a Milano.

«Ci siamo affidati a un’agenzia di selezione del personale specializzata nel settore, oltre alla rete dei nostri soci di Paper Moon, ma nulla da fare. Abbiamo fatto slalom tra candidati privi di formazione, curriculum falsi e alcuni arrivati accompagnati dai fidanzati e persino dalle mamme. A volte mancava l’idea stessa della tipologia di impiego proposto che, inevitabilmente, necessita della disponibilità a lavorare quando le altre persone vanno fuori a cena. Altri candidati, giunti alla proposta formale dopo diversi colloqui preliminari, si dissolvevano nel nulla senza neppure avvertire.  Proponiamo, in tutta trasparenza, i contratti nazionali di categoria. A lasciarci stupiti non è stata l’eventuale e legittima richiesta degli interessati di poter contrattare la proposta economica, ma la tendenza di un grande numero di loro a cercare impieghi adattabili alle loro esigenze personali e di vita: week end liberi, no «orario spezzato» e tanto meno notturno: nella ristorazione, un vero controsenso» L’intero articolo è sul seguente link: www.ilgiornale.it/news/economia/ristorante-che-assume-non-trova-gente-1500119.html

 

 

La temperatura nei ristoranti…

che freddoIn Piemonte fa freddo, ma nei ristoranti c’è uno splendido calduccio. In Liguria fa meno freddo ma nei ristoranti la temperatura generalmente è sui 20 gradi, ovvero c’è freddo.  Forse non possono superare i 22 gradi per una immancabile stupida leggina …   Vabbè, comunque, vabbè: a parte U Titti di Lingueglietta e pochi altri, qualcuno sa indicare un locale con temperatura 22 gradi sino alle ore 22.30 ?

Blacklist dei clienti con prenotazioni e successivo “No Show” ….?!

Risultati immagini per no show at restaurant

Dar buca a un ristorante, porta un danno non indifferente. In Australia hanno ideato un sistema di prenotazione con sconto per prepagamento. Inoltre è stato creato un sito (presumo riservato) che sarà un po’ la “colonna infame” alla quale verranno “appesi” tutti gli  abituali ”no show”.  Pare che ci siano persone che prenotano 2 o 3 ristoranti poi scelgono all’ultimo minuto con gli amici quelli nel quale andare.