G8 a Biarritz: come sono stati ospitati gli illustri convenuti.

Biarritz)I Grandi del Mondo sono stati ospitati all’Hotel du Palais di Biarritz, l’ex Villa Eugenie (moglie di Napoleone e ultima Sovrana di Francia), oggi trasformata in lussuosissimo Palace.  Ebbi il pregio di dedicargli un servizio di quattro pagine sul mensile La Madia TravelFood una quindicina di anni orsono e lo ricordo come un albergo meraviglioso, sotto ogni aspetto (anche se il ristorante gastrò,  Eugenie, per i miei gusti era troppo austero e ”ingessato”, mentre la Salle a Manger circolare era una meraviglia…).

La Francia riserva enorme importanza alla culinaria. Tanto che, su “Hotellerie et Restauration” ( link: https://www.lhotellerie-restauration.fr/journal/restauration/2019-08/le-g7-a-biarritz-a-joue-la-carte-des-chefs-et-produits-locaux.htm)                è comparso il seguente articolo che traduco e riassumo:   “La diplomazia francese è anche culinaria. Per il  G7, Guillaume Gomez, chef dell’Eliseo, ha chiamato a qualche “tenore” della gastronomia del Sud-Ovest : Michel Guérard, Andrée Rosier, Jean-Marie Gautier, Cédric Béchade, Xabi et Patrice Ibarboure…

“La Francia dunque ha ospitato il G7 a Biarritz. Da Donald Trump ad Angela Merkel, i leader di sette grandi potenze sono stati accolti con i loro staff, sicurezza e oltre 5.000 giornalisti. È stato necessario ospitare in alberghi ristoranti, gran parte di loro curati dal ristoratore Jean-Marc Salva. I capi di stato, nel frattempo, dormivano presso l’Hotel du Palais (57 suite e appartamenti, 82 camere, ultraprotetto per l’occasione. Dal punto di vista gastronomico, è Guillaume Gomez, che negli ultimi due mesi ha organizzato l’evento, invitando colleghi e produttori locali a valorizzare il patrimonio culinario del Sud-Ovest.

 Per 20 anni, ho partecipato a diversi G7, quindi non è niente di nuovo per me e sappiamo come farlo. Siamo anche abituati a mettere in evidenza i territori e i terroir quando un evento si svolge in Francia attraverso i suoi talenti e prodotti, è il buon senso ed è un piacere lavorare con loro“, dice Guillaume Gomez.

Così durante i due mesi che precedono il G7 Biarritz, il capo dell’Eliseo ha chiesto ad alcuni chef di proporre 3 menu, per il pranzo o la cena a seconda del caso. “Conosciamo le abitudini alimentari, i gusti, le possibili allergie dei capi di stato. Questo aiuta a perfezionare i menu che vengono poi convalidati dal presidente Emmanuel Macron.”

Poi gli chef ospiti hanno preparato l’evento. “Posso dirvi che oggi sono sollevato e felice”, dice Michel Guérard il giorno dopo la cena di gala che ha ospitato all’Hotel du Palais in collaborazione con lo chef Jean-Marie Gautier. Quest’ultimo aveva permesso loro di venire più volte a prendere i loro segni in cucina.

È importante trovare il posto dei gesti in una cucina che non conosci”, ricorda lo chef stellato 3 Michelin. Venendo con il suo chef Hugo Souchet e il suo capo dei ricevimenti Stéphane Mack, Michel Guérard ha trovato la “sfida piacevole”: “Guillaume Gomez ci ha aiutato molto in molti modi. Ad esempio, sulla faraona, conoscendo i gusti dei capi di stato, ci ha consigliato di “cuocere troppo” e, naturalmente, ma garantendo la tenerezza della carne.

Servire 30 posti al secondo è divertente e nella stanza la brigata dell’Eliseo è stata fantastica.

Il vertice del g7 è un momento di fratellanza e un momento storico: “La gastronomia è un messaggio importante della diplomazia francese. Anche se non facciamo politica, attraverso la gastronomia, parliamo della Francia. Michel Guérard, Les Prés d’Eugénie in Eugenie-les-Bains, Jean-Marie Gautier, L’Hotel du Palais a Biarritz, Andrée Rosiers, Les Rosiers a Biarritz, Cédric Béchade, L’Auberge Basco a Saint-Pée-sur-Nivelle, Xabi e Patrice Ibarboure, La Table des Frères Ibarboure Bidart, non lo negherà. Michel Guérard lo ha infatti illustrato splendidamente: “Ho detto ai capi di Stato che mi sentivo come Antonin Quarnt invitato da Talleyrand nel 1815. Cucinare deve avere un ruolo nella storia.” ”