Archivi categoria: inconsuetudini

Montecarlo: orti anche sui solarium degli mmobili

vigna montecarloIl Principato di Monaco, incredibilmente, proclama: “Green is the new glam”. Alla Fondazione Prince Albert II, lavoreranno per lo  sviluppo sostenibile. Come? Alla start-up “Terre de Monaco”, promuoveranno, tra l’altro, la pratica dell’agricoltura urbana: orti sui (pochi) terreni e sui (molti) tetti di Monte Carlo. In due anni sono stati recuperati orti per 1.400 mq., 10 alveari, 20 pollai. Tutto certificato Ecocert Bio 100% con destinatari dei prodotti i migliori alberghi di Montecarlo… D’altronde già nel 2013, piantarono una piccola vigna e vendemmiarono sulla piazza del casinò (foto).

Maggiori dettagli su : Ihttps://www.ambienteambienti.com/gli-orti-urbani-di-monte-carlo/

Spaghetti: ora si possono spezzare in 2 parti uguali.

spaghettiI brillanti esperimenti di alcuni fisici francesi dimostrarono che se uno spaghetto viene piegato in modo uniforme, da entrambi i lati, fino al massimo livello di curvatura, l’onda generata dalla rottura spezza di nuovo lo spaghetto. Ma non era stato però risolto l’arcano :  esiste un modo per spezzare uno spaghetto in due parti uguali? Finalmente, grazie a due ricercatori del Mit di Boston, l’ardua impresa è possibile: un dispositivo che riesce ad attorcigliare lo spaghetto facendolo arrivare a un punto critico in cui la rottura, che avviene alla metà esatta, genera soltanto due pezzi. Ma la svolta degli studi, iniziati nel 2015, è arrivata solo di recente. La chiave definitiva è stata capire che lo spaghetto andava attorcigliato su stesso, ma con una forza sovrumana. Perciò è stato creato l’attrezzo per ruotare e torcere in maniera controllata gli spaghetti, esperimento documentato con un milione di fotogrammi al secondo.” Finalmente risolto il dilemma potremo finalmente “gettare la pasta”? !

Sembra una notizia da primo d’aprile e invece è il sunto di una notizia tratta dal seguente link: https://www.dissapore.com/notizie/come-si-spezza-uno-spaghetto-in-due-parti-uguali/

Valore e significato del vino nelle religioni ebraica e cristiana: convegno a Venezia.

vino da messa

A Venezia c’è un interessante convegno sul tema ”Valore e significato del vino nella religione ebraica e in quella cristiana” voluto dai frati francescani di Venezia nel loro Convento, uno scenario unico per misticismo e cultura: la Chiesa di San Francesco della Vigna,

A celebrare l’incontro, sarà anche una degustazione di vini tematici, di rarissima reperibilità e unici, offerti da cantine della Germania, Israele, Grecia-Monte Athos ed Italia: dall’Epifanis 2013 e Νama “Mylopotamos”, vino di Santa Eucaristia, del Mylopotamos Mount Athos, all’Harmonia Mundi 2017 di San Francesco della Vigna; dai vini Kosher Oberemmel Hütte Riesling trocken 2015 di Von Hövel, Castel Grand Vin 2016 e ‘C’ Blanc du Castel 2015 del Domaine du Castel, al Pro Missa, il vino da Messa dell’Abbazia di Praglia; dal Dominus Vino Bianco Passito 2016 e Le Tavole Vino Rosso Igt Isola Dei Nuraghi 2016 di Vini Evaristiano, all’Omnes Dies 2017, il vino da Messa dell’Abbazia di Novacella; dai vini da Messa Baglio Baiata, un rosso ed un bianco di Alagna Vini, al Vin Santo del Chianti Classico 2007 della Rocca di Montegrossi.

I posti limitati sono purtroppo esauriti, ma comunque ho trovato nel web due siti che trattano l’argomento:  1)  la-vigna-a-venezia_375997/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=winenews-1&utm_content=la-prima

2) IL vino nella liturgia, cristiana ,ebraica e musulmana. https://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:tbm2lQ0O6CUJ:https://www.comprensivorivaltab.gov.it/laviteilvino/il_vino_nella_religione.htm+&cd=10&hl=it&ct=clnk&gl=it

 

Nizza: al ristorante principale CHANTECLER del NEGRESCO cena offerta al commensale.

Nei martedì e mercoledì dal 23 ottobre al 19 dicembre 2018, nonché dal 7 febbraio 2019 al 17 aprile 2019, lo CHANTECLER dell'Hotel Negresco, desidera fr conoscere la cucina della sua "nuova" chef VIRGINIE BASSELOT e il suo menu "SUR MESURE".  Il prezzo sarà di 180 euro per due persone  (90 a persona) + bevande. Riservazioni al +33 (0)4 93 16 64 10 oppure chantecler@lenegresco.com

Ecco come viene presentata la chef e la sua cucina dals ito del Negresco: "Comme un vent de fraîcheur et de nouveauté le long de la Promenade des Anglais…« Classique, directe et simple » telle est la cuisine de Virginie Basselot, à qui nous avons eu l’immense plaisir de confier les commandes de nos restaurants. Plusieurs fois primée, elle s’est imprégnée de la maison, de son histoire et de la région pour imaginer les nouvelles recettes de notre restaurant étoilé Le Chantecler et de notre restaurant éphémère 37 POP. Aux côtés de certains de ses arts emblématiques tels que le dos de cabillaud au beurre citron mélisse et le tartare de bar et huître, nous vous invitons à découvrir sans plus tarder toutes les créations qu'elle a imaginées pour nos
restaurants. "

 

C’è un ristorante a New York che assume nonne invece di chef: un’idea?

1 n yA Staten Island, New York, il ristorante “Enoteca Maria” dell’italo-americano Jody Scaravella ha dato vita ad un’iniziativa singolare: a cucinare  non sono chef professionisti, ma nonne di tutte le nazionalità portatrici della tradizione culinaria del paese di provenienza. L’obiettivo è duplice: proporre piatti tipici di varie parti del mondo e al contempo valorizzare una fascia di persone spesso messa da parte nella società di oggi.

L’articolo, completo di foto è sul seguente link:
http://www.italiachecambia.org/2 – 018/10/ristorante-new-york-assume-nonne/

Nella cucina dello chef stellato per preparare , sissignori, l’aria fritta

d“Il cuoco stellato Nicola Dinato ha inventato l’aria fritta: «La servo sempre come antipasto per ricordare ai miei clienti che devono sempre cercare di riempire le loro vite di esperienze vere e non di futilità».  Pero che fortunati i suoi clienti! Sarà sicuramente l’aria della  cucina del suo ristorante,  il Feva di Castelfranco Veneto. Di che si tratta concretamente? Una bolla d’aria racchiusa in un fritto leggero di tapioca  E’ una notizia tratta da La Tribuna di Treviso il cui link, con filmato è il seguente: https://video.gelocal.it/tribunatreviso/locale/nella-cucina-dello-chef-stellato-di-castelfranco-per-preparare-l-aria-fritta/100041/100504?refresh_ce