Tutti gli articoli di Luigino Filippi

Presso un cuoco stellato, una Soirée Bistronomie per chi ama la Costa Azzurra

P1070728 - CopiaIl Bistrot des Anges di Le Cannet, presenta la sua Soirée Bistronomie che avrà luogo il venerdì  5 Luglio 2019, con il Menu ALL INCLUSIVE  a € 57 a persona. Un prezzo che si vede raramente da quelle parti! Eccole di seguito le componenti: 

Amuse-Bouche :

Panna Cotta au Vieux Parmesan et Primeurs

Marbré de Volaille Plein Air au Foie Gras

***

Dorade sur la Peau, Courgette de Pays, Vierge à la Pistache

***

Vacherin Vanille Framboises, Coulis de Fruits Rouges

Un Cocktail Maison

Un Verre de Vin par plat

Eau Minérale Plate et Gazeuse

Café/Thé/Infusion

Con l’occasione segnalo che alla soprastante blasonatissima Villa Archange**, con lo stesso chef, al mezzodì del venerdì e sabato si spendono 72 euro. La sera invece il menu è a 165 euro, bevande escluse

Prenotazioni al: 0033 ( 0) 492.18.18.28

 Villa Archange – Bistrot des Anges

Rue de l’Ouest – 06110 LE CANNET

 

La recensione: CIPRESSA (IM) IL RISTORANTE BUONA VITA

c                       Cipressa (IM) – BUONA VITA – Piazza Mazzini

Tel. 0183 98000 – 379 104 3353 – www.cipressa.com

Una trentina di anni orsono recensii per una Guida questo ristorante e lo segnalai anche alla Michelin che da allora lo ha sempre citato: giustamente, perché, scomparsa anni addietro nonnina ANITA, poco cambiò nei decenni con la gestione di Viviana e Figli. Il 25 maggio scorso è però giunto il momento del cambio di mano, ma la clientela fedele alla casa e alla cucina Cipressina non deve temere, perché la nuova gestione ha rispettato a pié fermo la tradizione, pur aggiungendovi alcune proposte. La sala con camino a fuoco vivo e la veranda sono state rimesse a nuovo ma è stato salvaguardato l’ambiente anni ‘60. E’ stata invece completamente rifatta la separata sala bar…  Ma andiamo per ordine. Ho cenato in veranda, la parte del ristorante dove non giungono i profumi della cucina che moltiplicherebbero l’appetito. Dal mio tavolo sotto allo schermo (ovviamente spento) si gode un’amena veduta sul verde antistante la piazza  grande del borgo. Il sottofondo musicale era Dream On degli Aerosmith, bilanciato poi dall’ “antico” A Whiter Shade of Pale dei Procol Harum, giustamente a volume basso, presto coperto dal normale conversare di altri nuovi avventori.

Senza chiedere un aperitivo, mi son subito dedicato ad una carta che richiede un po’ di tempo (ma non troppo danaro) e spiega tutto compiutamente.

Sette ANTIPASTI (€ 12 – 18) tra i quali due taglieri di salumi o verdure,  un tris di tartare di pescato nonché la “Sinfonia Ligure con antipasti del territorio”, più l’Orologio dei sei formaggi, con marmellata artigianale e frutta secca su insalata.

Cinque PRIMI PIATTI (€ 10-16), dei quali tre vegetariani; tra essi i Ravioli neri di olive taggiasche, con pomodoro Pachino previsto anche con vongole del Mar Ligure, oppure i Pansotti vegetariani al Pesto; due eccellenti primi che sono stati serviti in quantità generose.

Cinque SECONDI (€ 14-25) dei quali tre di carne e due di pescato. Ma ho ceduto ai “remember”: il Coniglio del territorio preparato alla Ligure, con olive Taggiasche e mazzetto guarnito, mi ha rassicurato perché è ancora il Coniglio preparato alla Cipressina, il piatto di sempre qui che, fortunatamente, si trova ancora!

Dei successivi sette DOLCI (€  5) i titoli sono consueti ma, dopo il mio lauto pasto che li ha preceduti, mi sono arreso. Però mi hanno incuriosito il Tiramisù della Zia Irma e il dolce di Chef Massimo; ne riferirò al prossimo passaggio, nel quale proverò anche la CARTA PIZZE (una decina) …

Non mancano tre rassicuranti  MENU: il DEGUSTAZIONE TERRA a 30 euro, il DEGUSTAZIONE MARE a 40 euro, il BAMBINI a 10 euro.

Sono quasi duecento i vini, solo italiani, in carta, ben scelti ed assortiti, con la preziosa indicazione dei vitigni (però senza le gradazioni, utili come anti-etilometro). Buonissimo e senza solfiti il mio Pigato GEVA 2017 di Durin DOC Riviera Ligure di Ponente (20 euro).

Come accennavo all’inizio, la ”seconda anima” del locale è  l’adiacente e separato American Bar con dehor, aperto  fino a tardi, che offre ben 13 preparazioni di caffè, 18 tipi di spremute, bibite  e acque, decine di etichette di birre, aperitivi varii, circa 20 Vermouth,  grappe a iosa e, per finire, circa 100 coktails codificati.  Una offerta che la dice lunga sui programmi della “casa” che, dopo avere messo a punto senza risparmi un ambiente di tono, con luci strategiche, sgabelli con puff al banco,  tavoli simpatici e, non ultimo, anche schierato molto personale in divisa bistrotteggiante estremamente pronto gentile e disponibile, si appresta a conquistare nuova clientela anche con colazioni, caffetteria, cocktails … .

Ma, limitandomi all’offerta del ristorante fa piacere l’assenza nei piatti dei soliti ghirigori senza costrutto di cuochi-spettacolo che provano a titillare i gastrogonzi, come oggi va (sempre meno) di moda. No, qui la cucina è deliziosamente semplice, eppure semplicemente deliziosa, servita con generosità e garbo. Dimenticavo: prendetevi molto tempo per visitare il borgo (pianeggiante), ormai sempre più occupato da VIP in incognito nonché atelier di artisti innamorati del paese: si vocifera che l’illuminata Amministrazione Comunale potrebbe organizzare esposizioni permanenti a rotazione sotto alle numerose rivolte del  villaggio …: speriamo!

luigino.filippi@alice.it -

Il ristoratore chiude senza valido motivo nei giorni di apertura? Non è professionalità…

Mesi orsono un ristoratore di Finale Ligure, mi comunicò d’ essere il nuovo gestore di un ristorante e mi invitò ad andare a provarlo nell’intento di vedersi riconfermare la recensione. 

Le Guide apprezzano molto la comunicazione di nuove gestioni o altri cambiamenti rilevanti.  Ma la mia regola è di visitare i ristoranti a sorpresa come un qualunque cliente sconosciuto. Pertanto ho lasciato che il tempo facesse il suo corso e, ieri sera, ho deciso di farmi i 120 km a/r, senza prenotare, per rimanere il più possibile nell’anonimato.

E’ mercoledì, non è giorno di chiusura, il locale alle 19h 50′ è aperto e splendente, ma ancora senza clienti. Guardo la carta esposta in strada, mi convince, entro e …. il colloquio è stato il seguente: 

 - “Non ho prenotato; siamo in due.” - Risposta ” Stasera siamo chiusi” -  Io: “Ma non è la vostra serata di chiusura settimanale  e questo mi sembra un locale ben illuminato e con la porta aperta”. – Risposta:E’ vero, ma sa, non avevamo nessuna prenotazione e allora abbiamo deciso di restare chiusi. Teniamo luci e porte aperte perché … etc etc…

Ma vi pare professionalità? Magari poi si lamentano di non lavorare mentre i locali a pochi metri (Il Sogno, il SottoSale) ed altri hanno clienti … Così va il mondo della ristorazione,  qualche volta …   

 

 

1° Luglio, da Claudio a Bergeggi. Cena con musiche De André per il Gaslini di genova

          Il Cibo ed i Gusti che amava FabrizioLa partecipazione alla Serata sulla Terrazza Stellata del Ristorante Claudio di Bergeggi prenotando un tavolo, magari un regalo ad un amico, una persona cara, o per la vostra Azienda.

Ogni tavolo avrà il Nome di una sua Canzone, ed il centrotavola di Fiori preso dalle sue Parole

La Cucina di Claudio riproporrà alcuni piatti autentici presi dal Ricettario autentico di Fabrizio come il Cappon Magro, la Zuppa di Aragosta e Dentice, i Moscardini affogati e tanti altri

Abbinamento musicale a tema con i vari piatti, con la serata presentata da Marco Dottore

Al pianoforte Giovanni Benini         Alle chitarre il Duo Corbe de Coi

Serata Benefica totalmente devoluta all’Ospedale Gaslini di Genova per un’apparecchiatura diagnostica:  € 200 p.p.

2 italiani su 3 fotografano il cibo prima di consumarlo?!

“Si mangia prima con gli occhi, avremmo detto prima dell’avvento dell’era digitale. Nel 2019, quando tutti possiedono uno smartphone possiamo affermare che si scatta una foto prima di mangiare.” Secondo WMF, brand tedesco di elettrodomestici da cucina, “sarebbero, infatti, 2 italiani su 3 a fotografare il cibo prima di consumarlo, secondo quanto afferma la ricerca compiuta su un campione di 800 internauti italiani.” A me pare piuttosto strano, perché, frequentando abbastanza i ristoranti, vedo qualche raro avventore che fotografa, ma certo non 2 su 3.   Comunque la notizia completa la trovate sul seguente link: https://winenews.it/it/due-italiani-su-tre-fotografano-il-cibo-prima-di-mangiarlo-e-food-photography-mania_392728/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=winenews-1&utm_content=la-prima

Una una cena “stellata”, un dopocena “stellare” con i telescopi per vedere la Luna e il pianeta Giove nonché le stelle più luminose

Buca Cena

Giovedì 13 giugno al ristorante Buca Cena al Golf di Sanremo, le guide dell’Associazione di promozione Stellaria,  giovedì al Campo Golf. Con i telescopi, gli ospiti potranno osservare la Luna e il pianeta Giove nonché le stelle più luminose

Astronomia e gastronomia si uniscono giovedì 13 giugno per una serata di osservazione del cielo stellato al Ristorante Buca Cena Sanremo. La terrazza della club house del Campo golf ospiterà le guide dell’Associazione di promozione Stellaria, che accompagneranno gli ospiti nell’osservazione con i telescopi della Luna e del pianeta Giove, nonché delle stelle più luminose.

Sarà possibile cenare dalle ore 20:00 con le proposte à la Carte del menu di giugno, o con menu degustazione o con uno dei piatti specialmente realizzati per la serata, oppure assaporare un dessert, magari accompagnato da un drink. Per consentire ai partecipanti di profittare completamente delle attività proposte, verranno accettate solamente le prime 30 prenotazioni (+39 0184 55 74 42).

A seguire, le guide dell’Associazione Stellaria saranno a disposizione per un “dopocena stellare” con i telescopi. Sarà possibile scattare una foto alla Luna per conservare una cartolina e un ricordo unici per una serata fuori dal comune.

Posto in situazione privilegiata nella primissima collina di Sanremo, con un’ampia terrazza con vista sul golfo, completamente immerso in un vasto parco alberato a pochi minuti dal centro città, il Ristorante Buca Cena (Circolo Golf degli Ulivi) è il luogo ideale per una serata tra amici, per una cena mondana, per un incontro di famiglia o d’affari. Aperto a pranzo dal mercoledì al lunedì, a cena dal giovedì alla domenica.

Buca Cena
Buca Cena è un’oasi protetta all’interno del circolo da Golf degli Ulivi di Sanremo. È raggiungibile in cinque minuti ma è senza i rumori del centro, è circondata da prati verdi dove gli alberi prendono il posto dei soliti palazzi, è lontana dallo smog e da qualunque altro elemento possa disturbare un pasto perfetto. Buca Cena propone ai suoi ospiti una carta delle pietanze che contiene i grandi classici della gastronomia italiana e francese, nonché tutti i sapori tipici della cucina ligure così come da tradizione o rivisitati in chiave moderna al fine di stuzzicare occhi e palato. La filosofia di Buca Cena descrive la ristorazione come una sorta di food therapy alla ligure, cioè dal prezzo contenuto, per la quale l’atto stesso del mangiare diventa un formidabile antistress. La condizione affinché questa “terapia” abbia effetto, cioè affinché attraverso il palato si rilassino anche il corpo e lo spirito, è una sola: gustare dell’ottimo cibo lontani da ogni fonte di disturbo. In dialetto sanremasco “Buca Cena” significa “Bocca piena”, nel gergo golfistico vuol dire aver fatto un ottimo punteggio.

Informazioni :
Ristorante Buca Cena
Via Campo Golf 59
18038 Sanremo IM
Tel. +39 0184 55 74 42